lunedì 26 marzo 2018

Inchieste Dal Belpaese / 4

In collaborazione con Centro Ricerca A. Galmozzi di Crema
ancora uno sguardo sul documentarismo italiano di indagine sociale e storica


La nave dolce

L'8 Agosto 1991 una nave albanese, stracarica di 20mila persone, giunge non autorizzata nel porto di Bari. La nave, un mercantile, si chiama Vlora. A chi la guarda avvicinarsi appare come un formicaio brulicante, un groviglio indistinto di corpi aggrappati gli uni agli altri. Le operazioni di attracco sono difficili, qualcuno si butta in mare per raggiungere la terraferma a nuoto, molti urlano in coro "Italia, Italia" facendo il segno di vittoria con le dita. È una marea incontenibile di uomini, donne, bambini, tutti in cerca di un futuro diverso.

Il film di Daniele Vicari è costituito da una gran quantità di immagini riscoperte di repertorio montate con interviste ad alcuni protagonisti dell'epoca a dar vita a un documentario che ricostruisce un evento storico, destinato a inaugurare la lunga stagione degli sbarchi clandestini.


La nave dolce di Daniele Vicari, Italia, 2012, colore, 92min